Complotti sottocutanei - Pubblicato su Scaricabile.it
_____________________________________________________________





Ogni uomo ha le sue convinzioni: Dio, famiglia, tette.
Non sta a me giudicare. Escluse le tette, forse.

Ogni uomo ha le sue convinzioni.
Era questo quello che credevo prima di vedere quella pubblicità: “La cellulite è una malattia”.
Una malattia, sì. Non sapevo che Valeria Marini fosse terminale.
Be’, posso solo dire che così non vale. E aggiungere che la cellulite è la peste nera del nuovo millennio. Dovrebbero cessare la ricerca di cure contro il cancro: c’è gente che soffre di cellulite, qui.

Al giorno d’oggi qualsiasi cosa è una malattia: alcuni movimenti si battono per far passare come malattia anche la tossicodipendenza e io non ci sto. O mi date la pensione d’invalidità totale o non se ne fa niente.
E poi c’è un solo modo per uscire definitivamente dalla tossicodipendenza: l’alcolismo.

La cellulite è una malattia? E allora fatevi controllare ogni quattordici giorni invece di perdere tempo con inutili pap test, mammografie e cataloghi di Yamamay la cui biancheria intima vi starebbe bene quanto Fabio Volo in un saggio di filosofia.
“Centralino abbiamo un’emergenza: chiamate un’ambulanza per Simona Ventura!”
Senza considerare quelli che soffrono a causa della cellulite della propria dolce metà. E da ciò ne consegue che tutto il mondo soffre di cellulite.
Immagino già una maratona Telethon mondiale con l’accorato appello di Britney Spears che invita a donare il più possibile al fine di migliorare il sesso della sua security.
Non voglio passare per insensibile ma le donne mi hanno rovinato la vita: lavoravo come addetto al casting quando assistetti ad un pap test. E’ da allora che non riesco più a mangiare ghiaccioli.



 Per chi ha problemi di memoria, la cellulite è un ottimo sostitutivo del tradizionale nodo al fazzoletto.

Per non parlare poi dell’alcolismo: anche l’alcolismo è una malattia? Una volta mi hanno beccato così ubriaco che, oltre alla patente, volevano ritirarmi anche la tessera elettorale. Come faccio poi a votare senza prima tre Macallan?
E poi c’è un solo modo per uscire definitivamente dall’alcolismo: la tossicodipendenza.

Le donne sono malate di cellulite? Be’, allora credo proprio di essere malato di maniglie dell’amore. E sono un caso molto più grave di Ricky Gervais.
La cellulite è un processo naturale, fatevene una ragione: arrivate verso i trent’anni tutte le donne hanno la cellulite così come tutti gli uomini hanno le tettine ma, ehi, non ne facciamo mica una malattia.
“Oh mio dio, sono malato di tettine!”
Ed è un problema per chi, dall’allattamento alla pubertà, è malato di tettone.

Ogni uomo ha le sue convinzioni.
E non mi riferisco solamente al tipo di mutande, alla necessità del bidet successiva ad abbondante defecazione o alle paroline magiche che, dopo più di dieci anni, permettono di fecondare la propria consorte in un religiosissimo sesso coniugale.
A proposito: preferisco i boxer aderenti, non mi lavo il culo a prescindere da consistenza o retrogusto e vengo solo se mi sussurrano all’orecchio “martirio”, “genocidio massa” o “Luciano Violante”.
Sono fatto così: quando a letto mi dicono volgari oscenità mi si infiamma il pisellino.
“Ma la cellulite è causata da un problema di ritenzione idrica che…”
Me ne sbatto il cazzo: nessuno è mai morto di cellulite, escluso Solomon Burke, e quegli inestetismi non pregiudicano la salute di una donna così come avere le tettine non influisce sulla virilità di un uomo. Ed è quello che il mio nonno materno mi ripete tutte le mattine mentre gli allaccio il reggiseno.











13 commenti:

  1. Già letto e apprezzato, tesoro.

    RispondiElimina
  2. le tette prime... assolutamente!

    RispondiElimina
  3. Il finale è un elevato momento di letteratura...

    RispondiElimina
  4. porelle ste donne, pure la cellulite
    Già c'hanno tanti problemi c'hanno
    porelle, quanta sofferenza
    speriamo almeno che nell'aldilà abbino pietà di loro

    RispondiElimina
  5. mi ha spezzato la didascalia sotto le foto. E' la ciliegina sulla torta.

    RispondiElimina
  6. Eccellente chiusura, come al solito

    Luca

    RispondiElimina
  7. W le tettone... non le tettine...

    Cordialita'

    Attila

    RispondiElimina
  8. Sei solo un coglione.

    RispondiElimina
  9. Cmq, secondo un mio amico, le donne con la cellulite sono molto più affascinanti di quelle senza (che poi, anche qui...se tutte le donne sofforno di cellulite il paragone lo si deve fare con chi? Con un travestito?).

    RispondiElimina
  10. La cellulite è come la morte, democratica . Ma, nonostante ciò, il giorno che distruggerò la tv a causa di quella pubblicità non sarà mai troppo tardi!

    RispondiElimina
  11. Questo post se la gioca anche con quelli di Q.

    Saint S.

    RispondiElimina
  12. Veramente noi donne siamo messe molto meglio di come ci descrive la pubblicità. Cioè non è che passiamo il tempo a misurarci il giro coscia...
    Il post comunque mi è piaciuto molto.

    RispondiElimina