Dopo gli incidenti della scorsa settimana, nuovi scontri oggi in Val di Susa. Parla il leader del movimento No Tav: "Non è vero che abbiamo tirato sassi". Oh, e non è vero che stanno costruendo la Tav.
   Ma voglio credere alla genuinità del movimento: è inusuale vedere un manifestante contrario all'alta velocità tirare pietre. Solitamente le affilano per la caccia.

   Lo scontro è sempre tra le solite fazioni: modernità contro tradizione, sviluppo contro natura, uomini del nostro secolo contro cavernicoli.


   Lo stile di vita dei No Tav è caratterizzato da un'elevata mobilità stagionale indirizzata allo sfruttamento di una vasta gamma di risorse naturali e di appoggi politici. Le abitazioni dei cittadini della Val di Susa sono costituite da accampamenti all'aperto e in grotta, sebbene alcuni di loro non si siano rassegnati del tutto a scendere dagli alberi.
   Gli uomini della Val di Susa praticano la caccia al cantiere, come testimoniato dai numerosi resti di Caterpillar trovati nei loro accampamenti, e il tiro al celerino. Accanto all'attività venatoria, che costituisce la loro principale attività economica, è inoltre praticata la raccolta di vegetali selvatici: proprio adesso stanno accumulando una considerevole razione di sfollagente in legno.
(da Wikipedia)
 
   Anche Beppe Grillo dal suo blog annuncia la sua presenza nella battaglia dei No Tav. Ma dieci anni fa distruggeva pc con una mazza da baseball. Chissà, forse si sta recando in Val di Susa per prendere a sprangate un No Tav.

   In conclusione, come avrete potuto dedurre, sono completamente a favore della costruzione della Tav: in Val di Susa è nato Piero Fassino. In un modo o nell'altro devono pagarla.











6 commenti:

  1. Ciao sono del movimento No Fassino

    RispondiElimina
  2. No tav, no vat, no fass, no boh

    RispondiElimina
  3. La battuta finale vale il pezzo.

    L.

    RispondiElimina
  4. Io sono contrario alla cosa, però se continui con quella storia di fassino forse magari potresti avere qualche possibilità di riuscire magari un giorno ad avere una piccolissima possibilità che qualcuno possa cambiare in qualche modo idea o che altro

    RispondiElimina
  5. Quando arriverai alla pensione a settant'anni o mentre paghi il ticket per le visite mediche,potrai sentirti fiero di aver partecipato con i tuoi soldi alla realizzazione del TAV e alla distruzione della Valle di Susa.
    Buona la battuta su Fassino, peccato che da governatore, come pure la Bresso e Cota, la valle la può solo vedere in cartolina

    RispondiElimina