Questo è il nuovo blog dove spero di poter continuare a scrivere i generi letterari che prediligo. Non voglio discutere ulteriormente sul post dedicato a Sarah Scazzi e vi avverto: il primo che comincia a pontificare sui limiti della satira è una quindicenne morta. E scopata subito dopo.

   Messaggio per i personal hater che hanno determinato il trasferimento: anche questo blog si chiama "Essere Disgustosi", se non volete essere disgustosi andate in siti con foto di teneri gattini e graziosi cuccioli di labrador che dormono ma rispettate quelli che, al contrario di voi, amano leggere testi di humor nero cinici e immorali o che, sempre al contrario di voi, godono di una soddisfacente vita sessuale.

   Prima di ricominciare a segnalarmi anche alla redazione di Blogger dovreste sapere che, sebbene produca puttanate in quantità tale da rendere insignificante la bibliografia di Fabio Volo, devo confessarvi che ho cominciato a scrivere di satira e umorismo negro in seguito a un grave lutto familiare: mio padre morì quando avevo sette anni a causa di un tumore all'utero ed essendo l’unico figlio maschio toccò a me sostituirlo in tutte le sue mansioni, dal lavoro alle faccende di casa sino al sesso con mia madre e alle molestie sulle cugine. Esigo rispetto.

   E ancora non riesco a capire le polemiche riguardo alle battute su Sarah Scazzi: i cattolici dovrebbero esultare per questa vicenda. Una violenza sessuale successiva ad un omicidio è la dimostrazione che c'è vita, dopo la morte.

   Qui si ride su tutto e su tutti perchè non ho pregiudizi su nessuna minoranza etnica, sociale o igienica.
   Qui non temo pene infernali e non solo perchè ho avuto due docenti di fisica donne.
   Qui anche le vittime diventano carnefici: se non vi sentite pronti per scherzare sul piccolo Tommy, sulla sindrome di down o su Gad Lerner ma volete continuare a cavalcare l'onda della satira politica buonista e conforme al politically correct che domina la maggior parte della popolazione virtuale c'è sempre Spinoza.




_







31 commenti:

  1. Inizio col botto! cazzo!

    Quando ti arrabbi mi ecciti ancora di più!

    (burbero)

    RispondiElimina
  2. ...non è un buon inizio su blogspot se non si ELIMINA la verifica della parola sui commenti!

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Più che la parola di verifica, elimina la barra di blogger in cima, chiedi a google come fare.
    Google, a differenza della Bibbia e della redazione di splinder, ha risposte per tutto.
    Suca.

    RispondiElimina
  5. Oddio, anche su Gad Lerner? No, perchè io un po' di paura ce l'ho...

    Comunque non pensavo che Fabio Volo avesse il pollice opponibile atto alla scrittura...vedi quante cose si imparano nella vita.

    Cordialità

    Attila

    RispondiElimina
  6. Noto con piacere di non essere un pesce rosso ritardato.

    RispondiElimina
  7. ah, finalmente non devo più firmarmi.

    RispondiElimina
  8. invece io sono un pesce rosso ritardato, visto che avevo letto il post prima che lo censurassero e sono stato 2 giorni a chiedermi "ma che fine ha fatto?" "possibile che abbia avuto rimorsi di coscienza?"

    ah, dovresti incazzarti più spesso! :D
    fammi sapere dove vivi e la prima sera che sei particolarmente incazzato ti offrirò una cena :D

    RispondiElimina
  9. se sta bene su blogspot, vedrai!

    RispondiElimina
  10. evvai benvenuto su blogspot!!!!!

    RispondiElimina
  11. Mo' pe fatte caccià via puro da qui chissà che te tocca inventà.
    Ma allora non è stata una montatura per aumentà il livello de disgusto, si tratta proprio di un riconoscimento ufficiale.
    Complimenti,
    me cojons

    RispondiElimina
  12. http://ferroviedellostatoreclami.blogspot.com/

    ho piu confidenza con le tette delle gattuccie

    RispondiElimina
  13. Devi metterti l'opzione affianco per chi vuole seguirti, cosi, ogni volta che scscrivi appare tra le Novità della home di ognuno.

    Chi suca per primo suca due volte..

    RispondiElimina
  14. occhebello, mi sento più a casa qui. e poi vedo lame che si affilano e scintillano. non farti intimidire: è frustrazione la loro.

    RispondiElimina
  15. Sì, ok, ma adesso postami quelle foto di labrador che postavi di là, sennò io mica ci torno da queste parti.

    RispondiElimina
  16. Bene, benvenuto su Blogger, il servizio hosting che non censura.

    Tranne che se parli di Google, chiaro.

    (Naa, nemmeno in quel caso, so' bbravi ragazzi.)

    RispondiElimina
  17. Benvenuto su questa piattaforma più dignitosa, come drink2 ho ripubblicato il tuo post censurato perché le cose ben fatte vanno preservate e perché Splinder mi sta più antipatico di Belpietro, solo che del primo non conosco l'indirizzo per attenderlo sotto casa armato.

    RispondiElimina
  18. la cosa fantastica è che è in tutto e per tutto uguale all'altro blogghe. si sa sono un conservatore io.

    RispondiElimina
  19. Blogger fa cagare ma non censura.

    Benvenuto in famiglia figliuolo.

    Comunque ha ragione Attila: Gad Lerner no. Cazzo un po' di pieta' umana per l'Elephant Man della TV italiana...

    RispondiElimina
  20. Meno male che ho l'account gugol! Ma già un po' mi manca quello di Splinder, devo farci l' abitudine.

    RispondiElimina
  21. Anche tu su blogspot.
    Mi farete rimaner in solitudine su Splinder, fino al giorno in cui non scriverò an ch'io qualcosa di censurabile cosa che, essendo una devota del buonismo e del garantismo alla Rita dalla Chiesa, non avverrà mai.

    RispondiElimina
  22. Benvenuto.
    Pessima mossa quella di lasciar morire il tuo blog su splinder. Ora che è ancora caldo pensa a tutti quelli che ne abuseranno.

    Cordialmente, procto.

    RispondiElimina
  23. Senti, se mi metto a pontificare sui limiti della satira mi fai fuori e scopi la vicina che e' una grandissima cagacazzi?

    Yossarian

    RispondiElimina
  24. Yoss, se vuoi me la scopo io la vicina cagacazzi. che ho rotto da poco con la "donna della mia vita fin'ora".
    Purchè qualcuno la uccida prima.

    RispondiElimina
  25. Voglio di nuovo i commenti fatti da Bono Vox, Umberto Eco e gli altri...mi ipnotizzavo li per mezz'ora ogni volta

    RispondiElimina
  26. i film di pupi avati hanno il vantaggio che quando esci non sempre hai le forze di deframmentare il disco e ristallare il sistema operativo per cercare il suo civico e andarlo a calpestare a colpi di remo infuocato

    RispondiElimina
  27. Ok, grandissimi pompini, saremo con te fino alla morte e per favore scopati mia madre.

    Ma adesso posti anche qualcosa?

    RispondiElimina
  28. Non fosse altro che mi annoia terribilmente rimettere mano all'html per creare un template decente, avrei già da tempo abbandonato Splinder, su cui ormai mi sento un po' più in bilico dopo ogni post.

    Peraltro sono già in avviso di garanzia, dopo che la redazione bloccò il post su Daniela Cavallaro, in cui facevo nomi e cognomi, quindi immagino dovrei correre ai ripari.

    RispondiElimina
  29. ai ripari, o alla rappresaglia.
    Io preferisco la rappresaglia.
    O la figa, ma quello è un altro discorso.

    RispondiElimina
  30. meno male, non sei sparito!

    RispondiElimina